La nostra carta d’identità si compone di due parole: «buone notizie». Con “Frammenti di pace” raccontiamo le buone notizie dell’Italia e del mondo. Con ogni articolo del nostro mensile, pubblicato dall’Editrice Shalom, vogliamo realizzare una vera e propria rivoluzione della tenerezza – come ci chiede papa Francesco – convinti che solo il bene può vincere il male (cfr. Rm 12,21) e che il «compito del cristiano è annegare il male nella sovrabbondanza del bene» (san Josemaría Escrivá de Balaguer).
Per questo abbiamo scelto il motto: “Scateniamo il paradiso”.
“Scateniamo il paradiso” per dare voce a coloro che accolgono tutto come un dono e che sanno dire grazie. A quelli che danno prima di avere. A quelli che investono gratuitamente nell’umanità, perché sanno che la crescita umana e spirituale di ognuno è ricchezza per tutti. A quelli che non si lamentano. A quelli che hanno piedi per terra, ma occhi rivolti al cielo. A quelli che cercano l’Infinito e non gli basta.
“Scateniamo il paradiso” per essere al servizio della verità, nel tentativo di dare una sferzata di speranza, di costruire a partire dal Vangelo, seguendo il Papa e attenendoci ai suoi insegnamenti; per creare fiducia; per dare un’iniezione di positività; uno slancio nuovo che da “Frammenti di pace” si possa irradiare in tutti gli aspetti della vita.
Ecco: piccole o grandi dosi di positività noi le distribuiremo in tutte le pagine, cercando di rappresentare le persone che credono e che ci credono, che lavorano e si danno da fare ogni giorno, magari sbuffando e soffrendo, ma che guardano i problemi e li vogliono risolvere alla luce del Vangelo.
Non siamo ingenui, né illusi, sappiamo bene che la vita non è facile, che insieme a tante gioie ci sono tante preoccupazioni, sofferenze e dolori, ma sappiamo anche che gli uomini e le donne sono capaci di compiere azioni di amore e bellezza. Il nostro pianeta è vivo, esiste, cresce e si rinnova grazie alle azioni di amore gratuito di miliardi di uomini e donne che fraternamente si aiutano e compiono tanti piccoli gesti di eroismo che alimentano la speranza per un mondo migliore.
È questa la buona novella che ogni giorno si rinnova. Sono queste le storie che vogliamo trovare e raccontare. Ed è con queste voci che noi intendiamo alimentare e far crescere l’ottimismo e la speranza.
Senza buone notizie l’umanità non vive, non ha futuro.
Senza alimentare il sogno e il cuore, l’uomo non intraprende nessuna azione coraggiosa. Scrive Anna Frank: «Ognuno di noi ha dentro di sé una buona notizia. La buona notizia è che non sai quanto grande puoi essere! Quanto puoi amare! Che cosa puoi realizzare! E quanto è grande il tuo potenziale!». E santa Teresa di Calcutta afferma: «Se mai diverrò una santa proverò ad accendere la luce di quelli che si trovano nell’oscurità». Il laicissimo scrittore Ugo Ojetti sottolinea: «L’amore assomiglia a Dio: per raggiungerlo bisogna crederci». E san Giovanni Paolo II afferma: «Maria ci conduce ad apprendere il segreto della gioia cristiana, ricordandoci che il cristianesimo è innanzitutto “buona notizia”».
Se cerchi verità, giustizia e bellezza, se vuoi alimentare la speranza frequentando amici ottimisti, se non ti bastano le cose terrene e cerchi l’Infinito, se vuoi intraprendere un cammino verso suggestioni celesti, questo è il tuo giornale.
Leggici, abbonati, seguici, scrivici le buone notizie che vedi in giro e insieme… “scateniamo il paradiso!”.